FORSE NON TUTTI SANNO CHE… IN DIRETTA CON I SERVIZI EDUCATIVI | dal 10 marzo 2021 sulla pagina Facebook della Galleria
3 marzo 2021
SUL FILO DI RAFFAELLO. IMPRESA E FORTUNA DELL’ARTE DELL’ARAZZO | dal 21 maggio al 12 settembre 2021
30 marzo 2021

Città di Dio. Città degli uomini.
Architetture dantesche e utopie urbane.
a cura di Luigi Gallo e Luca Molinari
Galleria Nazionale delle Marche | Palazzo Ducale di Urbino
25 novembre 2021 – 27 marzo 2022

La Galleria Nazionale delle Marche partecipa alle celebrazioni per il 700° anno della morte di Dante. Al sommo poeta, figura emblematica della cultura italiana, non solo letteraria, viene dedicata una mostra incentrata sull’influenza dell’immaginario dantesco sulla visione di artisti, architetti e illustratori.
Naturalmente fu la “Commedia” ad aver dato, attraverso l’accurata descrizione dei luoghi attraversati da Dante e Virgilio forma fisica e illusoria ai sogni e paure più profonde, animando un’infinita sequenza di paesaggi immaginari che, a partire dagli affreschi trecenteschi ci porta fino alla modernità.
Forma tangibile a quegli spazi, venne data dagli architetti razionalisti Pietro Lingeri e Giuseppe Terragni, alla fine degli anni Trenta, nel progetto – mai realizzato del Danteum. È stato questo il primo tentativo in cui l’architettura, veniva chiamata a dare forma tangibile al capolavoro di Dante, attraverso uno spazio realmente percorribile. Quest’opera, illustrata attraverso i materiali originari, conservati all’Archivio Lingeri di Milano e mai esposti nella loro completezza, viene messa in dialogo con la Città ideale, capolavoro – anch’esso emblematico – del Rinascimento italiano ed opera chiave delle collezioni della Galleria Nazionale delle Marche. Tra esse, altre opere di architetti italiani contemporanei come Aimaro Isola, Andrea Branzi e Franco Purini, che hanno riletto la “sezione” della Divina Commedia attraverso una serie di disegni originali.
In questa esposizione, dove l’immaginario architettonico del poeta fiorentino viene messo in luce per la prima volta con chiarezza, la Città di Dio e la Città degli Uomini sembrano finalmente ricomporsi. Dal confronto visivo e concettuale tra l’immaginario dantesco e la sua interpretazione attuale, nasce la più ampia riflessione sul complesso e mutevole confronto tra racconto e immagine, attraverso le visioni potenti e originali proposte, che riflettono sulla fragile natura del mondo contemporaneo riletto attraverso gli occhi di Dante.

Per scaricare il materiale informativo e le immagini:
www.gallerianazionalemarche.it/danteum

Condividi