LE COLLEZIONI

Nella Galleria Nazionale delle Marche è conservato ed esposto al pubblico un vasto patrimonio di opere d’arte che comprende dipinti e sculture dal XIII al XVIII secolo, ceramiche, monete, disegni ed alcuni arredi, cui vanno ad aggiungersi le decorazioni “fisse” degli ambienti del Palazzo Ducale di Urbino. Il prestigio del museo si lega nell’immaginario ai capolavori assoluti del Rinascimento che fanno parte del nucleo del Quattrocento. Solo per citarne alcuni sono le opere della “Flagellazione” e della “Madonna di Senigallia” (Piero della Francesca) e della “Città ideale” (pittore dell’Italia centrale, già attribuita a L.Laurana), e il “Ritratto di gentildonna” detta “la Muta” (Raffaello Sanzio).
E’ da sottolineare che se da un lato la Galleria è cresciuta nel tempo in parallelo al restauro degli ambienti del Palazzo, l’allestimento museologico ha seguito un doppio filone: da un lato la valorizzazione degli spazi rinascimentali architettonici con opere artistiche coeve e proprie della storia del Palazzo, dall’altro attraverso le opere che provengo in gran parte del territorio marchigiano che documentano l’evoluzione artistica in relazione all’ambito nazionale.
Oltre al patrimonio proveniente dal territorio, è esposto in Galleria un importante nucleo di opere pittoriche che spaziano dal XIII al XVII secolo – e due collezioni Volponi, donate al museo nel 1991 e 2003 dalla famiglia Volponi di Urbino.
Le opere della Galleria Nazionale delle Marche sono esposte nei locali del primo piano e al secondo piano.
Al piano terra sono inoltre esposte, nella sala accanto alla Biblioteca del Duca, le 70 Formelle lapidee che compongono il ”Fregio dell’arte della guerra” scolpite su disegno di Roberto Valturio e Francesco di Giorgio Martini.

NOTA:
Al momento vengono presentati sono alcuni capolavori della Galleria. E’ in fase di esecuzione un catalogo on line delle opere della Galleria Nazionale delle Marche che, appena disponibile, sarà collegato alla sezione “COLLEZIONI”.