SPIRITI | 31 ottobre 2020 – 28 febbraio 2021
27 ottobre 2020

IL MUSEO SI RACCONTA. Arte e architettura nel Palazzo Ducale di Urbino.

Le porte del Palazzo Ducale di Urbino sono chiuse dal 6 novembre, ma la cultura non si ferma; ancor di più in questo momento, il museo parla di sé e continua a far apprezzare al pubblico del web l’immenso valore dei suoi tesori.
Nasce con questo scopo la nuova webserie “IL MUSEO SI RACCONTA. Arte e architettura nel Palazzo Ducale di Urbino” sui social media della Galleria Nazionale delle Marche (Instagram, Facebook, Twitter e YouTube) da lunedì 9 novembre.
Storici ed esperti d’arte accompagnano il pubblico virtuale alla scoperta di capolavori, opere minori, dettagli, architetture e curiosità, tramite brevi video pubblicati sui profili social del museo.
In questa pagina verranno riproposti i video già pubblicati sul canale YouTube istituzionale.

Ep.1 – Gregorio di Lorenzo

Lo storico dell’arte Giovanni Russo presenta Gregorio di Lorenzo, scultore identificato come “Maestro delle Madonne di marmo” che operò alla corte di Federico da Montefeltro.

Ep.2 – Giovanni Santi

Il Presidente dell’Accademia Raffaello Prof. Luigi Bravi racconta l'”Annunciazione” di Giovanni Santi, egregio artista urbinate e padre del grande Raffaello.

Ep.3 – Piero della Francesca

Il Direttore della Galleria Nazionale delle Marche, Dott. Luigi Gallo, ci parla della splendida “Madonna di Senigallia” del grande Piero della Francesca.

Ep.4 – La Camera Picta

L’ex Soprintendente della Galleria Nazionale delle Marche, Maria Rosaria Valazzi, ci parla della enigmatica “Sala degli Uomini d’Arme” detta “Camera Picta” di Palazzo Ducale.

Ep.5 – Una città in forma di palazzo

Il funzionario Stefano Brachetti della Galleria Nazionale delle Marche, ci porta a scoprire alcuni degli ambienti più laboriosi del Palazzo Ducale di Urbino: cucine e sellerie dei Sotterranei.

Ep.6 – La Città Ideale

Il Direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria e già Direttore ad interim della Galleria Nazionale delle Marche, Marco Pierini, ci porta a scoprire il capolavoro assoluto della prospettiva: “La Città Ideale”, l’opera perfetta per definire l’inequivocabile legame tra le arti figurative e la scienza.
Condividi