ATTIVITÀ E PROGETTI DEI SERVIZI EDUCATIVI 2021 – 2022

A partire dall’11 ottobre 2021 (fatte salve eventuali modifiche normative) le scuole ritornano al museo!! A breve le scuole riceveranno un PDF contenente l’offerta formativa dell’anno scolastico 2021/2022 che prevede l’introduzione di tre nuovi itinerari dedicati a Federico da Montefeltro e all’architetto senese Francesco di Giorgio Martini.
I nostri percorsi, che tornano finalmente in presenza, continueranno comunque ad essere disponibili anche on-line.

Sono ammessi gruppi per un massimo di 25 partecipanti.

Ricordiamo che, per accedere al Palazzo Ducale e fruire della nostra offerta, a partire dai 12 anni di età sarà necessario esibire il green pass.

I laboratori sono momentaneamente sospesi tranne quello previsto nel percorso n. 8, e l’attività ludica relativa al percorso 14. Laddove possibile alcuni laboratori potranno essere svolti a scuola inviando materiali on-line.

INFO:

Direttore di settore: Valentina Catalucci

Assistenti educativi: Alessandra Cini, Paola De Crescentini, Gabriele Dini, Romina Mascioli

 

CONTATTI:

Centralino: 0722 2760

Servizi Educativi: 0722 327686; 335 5339235

Prenotazioni: 0722 327686

E-mail:  gan-mar.didattica@beniculturali.it; valentina.catalucci@beniculturali.it

 

NOTE:

Tutti i percorsi sono gratuiti

Il servizio è rivolto alle Scuole di ogni ordine e grado

 

ORARI DI APERTURA:

Dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00

 

SCARICA QUI IL LIBRETTO CON LE OFFERTE FORMATIVE 2021/2022

SCARICA QUI IL LIBRETTO CON LE OFFERTE FORMATIVE 2021/2022

PERCORSO 1

UNA GUIDA GENERALE DEL PALAZZO E DELLA GALLERIA

TITOLO: “IL PALAZZO DUCALE CULLA DEL RINASCIMENTO ”. Il Principe, la sua dimora e i grandi artisti della sua Corte.

Finalità: conoscere gli aspetti del Rinascimento, il periodo storico che ha reso Urbino uno dei centri più importanti in quel periodo, i personaggi che lo hanno animato, i cambiamenti architettonici e politici. Approfondire gli aspetti peculiari della figura di Federico da Montefeltro del suo Palazzo e degli artisti che vi hanno lavorato.

Destinatari: Scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: La visione prospettica, messa in risalto dal rigore delle linee, dallo spazio e dalla luce, è la protagonista di questo percorso che dal Cortile d’Onore attraversa le sale del Piano Nobile e si sofferma sulle opere più significative: l’Alcova, i capolavori di Piero della Francesca, la Città ideale, il ritratto dinastico di Federico, lo Studiolo e le opere di Paolo Uccello e Raffaello.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 2

IL DUCA FEDERICO E LA FAMIGLIA MONTEFELTRO

TITOLO: “I PROFILI DEI DUCHI”. Federico e il figlio Guidubaldo: il culto della personalità, il principe mecenate, la dimora rinascimentale.

Finalità: Scoprire la figura del Principe mecenate rinascimentale attraverso la ricerca delle immagini e dei ritratti del Duca Federico e del figlio Guidubaldo all’interno del Palazzo Ducale. Comprendere le tematiche rinascimentali.

Destinatari: Scuola primaria e Scuola secondaria di I grado

Descrizione dell’attività: Si racconta la storia di Federico, della sua famiglia e del Palazzo da lui fatto costruire, descrivendone la figura e il contesto storico. Una telecamera ci permetterà di entrare al Piano Nobile del Palazzo per ricercare le figure di Federico e Guidubaldo, osservando opere realizzate attraverso varie tecniche artistiche che verranno spiegate ai ragazzi. Per gli alunni delle scuole primarie questa è l’occasione per scoprire che cos’è un museo, dove trovare le indicazioni utili, quali regole di comportamento bisogna adottare per effettuare una visita piacevole per tutti.

Fruizione: il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 3

IL DUCA FEDERICO E LA FAMIGLIA MONTEFELTRO

TITOLO: “UN DUCA PER PAPÀ”. Giovanna Feltria racconta.

Finalità: scoprire la famiglia dei Montefeltro attraverso il racconto della figlia di Federico.

Destinatari: Scuola dell’infanzia e Scuola primaria.

Descrizione dell’attività: il racconto della famiglia Montefeltro attraverso gli occhi della piccola Giovanna Feltria, in una lettura affascinante che trasporta i bambini indietro nel tempo, tra musiche e oggetti della sua vita. In Galleria ci si sofferma su alcune opere particolarmente legate alla vita di Giovanna; dalla suggestiva Alcova al “Ritratto di Federico con il figlio Guidubaldo”, per terminare davanti a “La Muta”, il dipinto di Raffaello in cui i bambini possono riconoscere la figura di Giovanna ormai adulta.

Fruizione: il percorso è disponibile solo in presenza.

PERCORSO 4

IL DUCA FEDERICO E LA FAMIGLIA MONTEFELTRO

TITOLO: “FEDERICO MARITO, PADRE, CAVALIERE” La vita del Duca tra pubblico e privato – Novità 2022

Finalità: far conoscere gli aspetti inediti della vita di questo grande personaggio, ossia il mistero della sua nascita e il legame con Ottaviano degli Ubaldini; il matrimonio con la giovane e brillante Battista Sforza; il suo amore per le numerose figlie e il rapporto speciale con l’unico erede maschio, Guidubaldo; ma anche episodi particolari legati alle sue gesta di condottiero.

Destinatari: scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: dopo un’introduzione nel Cortile d’onore dedicata a Federico da Montefeltro, il percorso si snoda tra il piano terra e il piano nobile dove, illustrando la probabile destinazione d’uso delle sale, impareremo a conoscere la vita quotidiana del Signore e della sua famiglia tra pubblico e privato.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 5

ARCHITETTURA E RINASCIMENTO

TITOLO: “LA CITTA’ IN FORMA DI PALAZZO”. Architettura e geometria nel Palazzo di Federico

Finalità: accostarsi alle tematiche dell’architettura e alla vita dell’uomo nel Rinascimento.

Destinatari: Scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: dopo una presentazione della figura del Duca e dei caratteri tipici dell’architettura rinascimentale, si analizzano le fasi costruttive del Palazzo Ducale per capirne le finalità di ordine pratico e ideologico. All’interno si osservano le scelte stilistiche dell’architettura, prestando attenzione sia agli elementi portanti che a quelli decorativi. Le opere pittoriche e gli intarsi dello Studiolo, assieme ad alcuni esperimenti sulla percezione visiva, contribuiscono a chiarire l’importanza dell’invenzione della prospettiva.

Fruizione: il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 6

ARCHITETTURA E RINASCIMENTO

TITOLO: “FRANCESCO DI GIORGIO MARTINI”. Un architetto senese alla Corte di Federico – Novità 2022

Finalità: apprendere le soluzioni architettoniche dell’architetto senese Francesco di Giorgio Martini per completare il Palazzo Ducale di Federico da Montefeltro.

Destinatari: Scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: attraverso la visita del piano terra, dei Sotterranei e dell’Appartamento della Duchessa si vanno a scoprire le caratteristiche dello stile di Francesco di Giorgio Martini e le differenze con il Laurana. Conosceremo così una figura eclettica e di grande ingegno che tra il 1474 e il 1485 circa avrebbe dato un nuovo volto alla città e allo Stato.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 7

ARCHITETTURA E RINASCIMENTO

Titolo: “ALLA SCOPERTA DI UN TESORO SOSPESO”. Visita del Giardino pensile.

Finalità: conoscere che cos’è un giardino “pensile” per poter ammirare quello del Palazzo Ducale, costruito come un luogo privato, accessibile solo alla Corte, da cui si poteva guardare all’esterno senza essere visti. Imparare a conoscere le piante che vi venivano coltivate e che potevano essere utilizzate anche per la produzione di profumi, per curare malanni o per realizzare gustose ricette.

Destinatari: Scuola dell’infanzia e Scuola primaria.

Descrizione dell’attività: gli alunni sono accompagnati in Giardino dove possono osservarne la struttura architettonica e, utilizzando i cinque sensi, individuare piante e fiori, riconoscendo le varie essenze e apponendo dei cartellini nelle aiuole. La visita in Galleria fornisce l’occasione per mostrare come la natura venga rappresentata nelle opere d’arte e nelle decorazioni del Palazzo.

PERCORSO 8

L’UNIVERSO DEI SERVIZI: I SOTTERRANEI

TITOLO:AL SERVIZIO DEL DUCA“. Voci dai Sotterranei: la vita quotidiana, l’alimentazione, l’organizzazione dei servizi, gli impianti idraulici e tecnologici.

Finalità: Conoscenza delle attività lavorative delle persone al servizio del Duca Federico, e riconoscimento degli spazi dove esse si svolgevano attraverso gli elementi architettonici. Conoscenza della struttura idraulica e dell’importanza dell’approvvigionamento idrico.

Destinatari: Scuola primaria e Scuola secondaria

Descrizione dell’attività: dopo aver tracciato un quadro generale del periodo storico in cui il Palazzo venne edificato, si esaminano le soluzioni tecniche e architettoniche adottate nella sua costruzione; si descrive la funzione degli ambienti che compongono i Sotterranei e si osserva il sistema idraulico e l’organizzazione interna del personale alle dipendenze del Duca, facendo riferimento al codice manoscritto “Ordini et Offitij”.

PERCORSO 9

L’UNIVERSO DEI SERVIZI: I SOTTERRANEI

TITOLO: “NON SOLO ARTE: CAPOLAVORI DI INGEGNERIA IDRAULICA NEI SOTTERRANEI”. Un Palazzo…”abbondante di acque vive o cisterne, con grande dilettevole giardino”. –  Novità 2022.

Finalità: conoscere i grandi progressi della tecnica nel Rinascimento e la figura di Francesco di Giorgio Martini, pittore, scultore, ma soprattutto architetto e ingegnere civile e militare.

Destinatari: Scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: il percorso, durante il quale si tratteranno gli aspetti teorici e le soluzioni pratiche che l’architetto senese riprese dal De Architectura di Vitruvio, si svolge tra Cortile d’onore, Giardino pensile e Sotterranei, con l’ausilio di alcune immagini degli ambienti chiusi al pubblico, che ci aiuteranno a comprendere la finezza del lavoro di questo grande protagonista del “Rinascimento delle macchine”.

Fruizione: il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 10

L’ARTE DI RAFFAELLO 

TITOLO: “RAFFAELLO ALLA CORTE DEI MONTEFELTRO”. La formazione artistica del giovane Raffaello nel contesto urbinate.

Finalità: ripercorrere le tappe della carriera di Raffaello a partire dall’infanzia urbinate e dai suoi legami con i Montefeltro, che dureranno per tutta la sua vita. Si approfondiscono quindi l’aspetto stilistico in pittura e in architettura, le contaminazioni tra le due discipline e i contatti con gli artisti di questo periodo, in particolare con i collaboratori che lavoravano nella bottega paterna.

Destinatari: scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: durante la visita si osservano, oltre alle opere del pittore urbinate, quelle dei maestri che lo hanno ispirato, come Luca Signorelli e il padre Giovanni Santi, e dei suoi contemporanei che, come lui, frequentavano la Corte di Guidubaldo da Montefeltro ed Elisabetta Gonzaga.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 11

L’ARTE DI RAFFAELLO 

TITOLO: “UN BAMBINO DI NOME RAFFAELLO”. Allegri personaggi per una storia a colori.

Finalità: La Galleria Nazionale delle Marche propone un progetto per i più piccini per accostarli, divertendosi, alla vita e all’opera del grande pittore urbinate. Attraverso la lettura e l’animazione di alcuni brani tratti dal libro “Raffaello bambino” di Giancarlo Carloni, i bambini verranno infatti trasportati nel mondo magico del piccolo Raffaello, tra colori e meraviglie.

Destinatari: Scuola dell’infanzia e primo ciclo della Scuola primaria.

Descrizione dell’attività: I piccoli spettatori potranno assistere ad uno spettacolo di burattini, nel quale i protagonisti, Raffaello, il babbo Giovanni, la mamma Magia, la Misciagatta e altri divertenti personaggi, raccontano loro la storia del giovane artista, tra i suoi giochi, le sue scoperte e le sue incertezze, alla ricerca di quella strada che lo avrebbe reso uno dei pittori più famosi al mondo. Al termine i piccoli vengono accompagnati in Galleria per ritrovare le ambientazioni descritte nello spettacolo e per ammirare uno dei capolavori del museo: “La Muta”.  

Fruizione: Il percorso è disponibile anche registrato.

PERCORSO 12

L’ARTE DI RAFFAELLO 

TITOLO: “A BOTTEGA DA RAFFAELLO”…“…sempre disegnando non abbandonando mai né in dì di festa né in dì di lavorare…”

Finalità: negli ultimi decenni del Quattrocento gli artisti che frequentavano la Corte dei Montefeltro trovarono il loro punto di riferimento nella bottega di Giovanni Santi, padre di Raffaello, un’impresa fiorente e dinamica. Qui il giovane pittore svolse probabilmente il suo apprendistato, venendo a stretto contatto col mondo dell’arte e con i suoi maggiori esponenti.

Destinatari: secondo ciclo della Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado.

Descrizione dell’attività e laboratorio: nella lezione introduttiva si raccontano le fasi salienti della vita di Raffaello, della sua formazione e della sua carriera. Ci si concentra poi sulla vita di bottega nel Quattrocento, luogo di apprendistato per artigiani e artisti: che cos’era, chi ci lavorava, com’era strutturata, le varie attività che vi si svolgevano, descritte osservando dal vivo alcuni materiali e strumenti di lavoro. All’interno della Galleria si osservano diverse opere di Raffaello e dei pittori che lo hanno ispirato, in particolare quelle di suo padre.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 13

L’ARTE DI RAFFAELLO 

TITOLO: “I MAESTRI DEL RITRATTO”. Piero, Leonardo e la ritrattistica rinascimentale

Finalità: analizzare le caratteristiche e l’evoluzione del ritratto tra Quattro e Cinquecento, da Piero della Francesca a Raffaello, nel confronto con il genio di Leonardo.

Destinatari: Scuola secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: i ragazzi vengono guidati alla scoperta delle varie fasi di sviluppo della ritrattistica rinascimentale attraverso l’analisi di alcune opere quali la “Flagellazione” e la “Madonna di Senigallia” di Piero della Francesca, l’immagine emblematica del successo nel “Ritratto di Federico da Montefeltro e del figlio Guidubaldo”, attribuito al Berruguete, i ritratti degli uomini illustri dello Studiolo, il “Cristo benedicente” di Bartolomeo della Gatta, la “Pala Buffi” di Giovanni Santi e, per finire, “La Muta” di Raffaello, davanti alla quale viene sottolineato il raffronto con “La Gioconda” di Leonardo.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 14

PERSONAGGI ILLUSTRI: BALDASSERE CASTIGLIONE E DANTE

TITOLO: “URBINO CITTÀ IDEALE”. Il fascino della Corte raccontato da Baldassarre Castiglione

Finalità: analizzare la vita, le attività e i personaggi della Corte dei duchi Guidobaldo da Montefeltro ed Elisabetta Gonzaga, immortalati nelle pagine del “Cortegiano” di Baldassarre Castiglione. Partendo dall’opera letteraria si definisce il concetto di corte come la più alta espressione del potere di un principe, e quello di cortigiano, descrivendo questa nuova figura di intellettuale e il suo rapporto con il Signore.

Destinatari: Scuola secondaria di II grado.

Descrizione dell’attività: si introduce la figura di Baldassarre Castiglione, uomo d’armi, ambasciatore e scrittore, e si analizza la struttura del “Cortegiano”, un dialogo distribuito in quattro serate e ambientato nel Palazzo Ducale di Urbino durante il mese di marzo del 1507. I ragazzi conoscono così la Corte di Urbino: il duca Guidubaldo da Montefeltro, la duchessa Elisabetta Gonzaga, letterati come Bernardo Dovizi da Bibbiena e Pietro Bembo, e personaggi politici quali Cesare Gonzaga e Giuliano de’ Medici.

Fruizione: Il percorso è disponibile anche on-line.

PERCORSO 15

PERSONAGGI ILLUSTRI: BALDASSERE CASTIGLIONE E DANTE

TITOLO: “CON GLI OCCHI DI DANTE”. Un giro a Palazzo Ducale attraverso la Divina Commedia.

Finalità: mettere in luce l’influenza che l’impianto culturale e filosofico della Divina Commedia ebbe nelle scelte decorative del Palazzo Ducale, nonchè i legami profondi del poeta toscano con il Montefeltro, più volte celebrato nelle cantiche della sua opera.

Destinatari: Scuola secondaria di II grado. Il livello di difficoltà del percorso sarà calibrato in base alla classe frequentata dai partecipanti.

Descrizione dell’attività: Si introduce la figura di Dante Alighieri nel suo contesto storico, sottolineando i suoi rapporti diretti con alcuni membri della famiglia dei Montefeltro, da lui personalmente conosciuti durante le lotte tra guelfi e ghibellini e ricordati nelle cantiche della Divina Commedia. Dopo un breve excursus sulla storia dei Montefeltro, si tratteggia l’immagine di Federico da Montefeltro e la sua profonda erudizione, che passava attraverso la conoscenza dell’opera dantesca, e si mostrano alcune illustrazioni tratte dal codice della Commedia ‘Vaticano Latino Urbinate 365’, capolavoro della miniatura italiana, iniziato dal ferrarese Guglielmo Giraldi, e destinato a impreziosire la ricca biblioteca federiciana. I ragazzi vengono accompagnati nel piano nobile del Palazzo Ducale; durante la visita, ad ogni tappa si sottolinea l’influenza che la Divina Commedia ebbe nelle scelte decorative del Palazzo stesso: da San Francesco e San Domenico nell’Appartamento della Jole, agli “Uomini Illustri” dello Studiolo, dove vengono spiegati i simboli della cultura passata, di cui Dante è portavoce e Federico fiero custode.

Fruizione: il percorso è disponibile anche on line.

PERCORSO 16

IL PAESAGGIO

TITOLO: CARTOLINE DAL RINASCIMENTO

Finalità: analizzare i vari tipi di paesaggio che possono essere rappresentati in un dipinto: realistico, stilizzato, simbolico; i piani di profondità, la differenza tra luce diurna e notturna, il rapporto tra le figure e lo sfondo e i vari significati che possono assumere.

Destinatari: Scuola primaria e secondaria di I e II grado.

Descrizione dell’attività: Visitando la Galleria si osservano la decorazione arborea dell’Alcova; “La Città ideale” e l’impatto dello studio prospettico sulla pittura; il paesaggio simbolico nello Studiolo del Duca; la prospettiva atmosferica in una delle opere dell’urbinate Viti; il paesaggio lacustre nella “Pesca Miracolosa”, uno degli arazzi tratti dai cartoni di Raffaello; i paesaggi notturni seicenteschi di Guercino e Barocci. Il Palazzo in sé, del resto, offre punti di vista sul paesaggio, sulla città e sulla stessa architettura dell’edificio, splendidamente incorniciati dalle le ampie finestre rinascimentali che ci permettono di affacciarci verso l’esterno. Il percorso viene condotto come gioco/questionario che permette ai partecipanti di soffermarsi su alcuni particolari delle opere esaminate.

Fruizione: Il percorso è disponibile solo in presenza.